Ragion Di Stato

azione, spionaggio / Durata 100'
Cast artistico

Luca Argentero
Saadet Aksoy
Anna Foglietta
Giorgio Colangeli

Due uomini viaggiano a bordo di un fuoristrada che avanza su uno sterrato tra le imponenti montagne dell’Afghanistan. Il loro rapporto è molto simile a quello tra un padre ed un figlio: Rosso, il principale protagonista, è con Fontana, capo delle operazioni dell’Aise in Afghanistan, uomo in servizio da molto tempo e con una vena di amaro realismo per un conflitto di cui non vede una fine reale. Rosso ha imparato tutto dal suo mentore ed è un ottimo agente, efficiente e ‘chirurgico’ in azione. Ma quella mattina l’operazione in cui i due sono impegnati non va come previsto e Fontana viene catturato da un gruppo di Talebani, che in cambio della sua restituzione chiede che vengano liberati alcuni dei suoi militanti prigionieri degli Americani. Rosso, lacerato, deve far rientro in Italia. L’Ammiraglio Massa, Direttore dell’Aise, non vuole coinvolgere gli Americani e sceglie una strada diversa per arrivare alla liberazione di Fontana, quella della trattativa, chiedendo la mediazione di un ‘signore della guerra’ libanese (Rashid), uomo ricco, potente e pericoloso. La scelta di Massa non è condivisa dal suo vice (Ranieri), palesemente filo-americano, e spiazza doppiamente Rosso, a cui Massa affida un compito apparentemente secondario: occuparsi della protezione di una donna. Si tratta di Rania, la moglie di Rashid, che è in arrivo a Roma con la figlia dodicenne, malata, che Rashid intende far visitare da uno specialista italiano. Rania è una donna sensibile e infelice, sposata giovanissima a Rashid, che la considera nient’altro che un bell’oggetto di sua proprietà. I sentimenti giocano un ruolo potente e fondamentale nella storia: tra Rosso e Rania nasce un amore imprevisto ed incontenibile.
Mentre la trattativa per la liberazione di Fontana va avanti, Rosso organizza la fuga di Rania in Svizzera, che si risolve però in un insuccesso. La donna viene rimpatriata a Beirut. Rosso ne è ancora all’oscuro, occupato in Afghanistan nell’operazione finale di liberazione di Fontana. Nel momento cruciale dello scambio prigionieri, un Apache americano piomba sul luogo del riscatto e scatena una carneficina che finisce per falcidiare anche Rosso e Fontana. Rosso, però, è tutt’altro che morto e Massa, l’unico a saperlo vivo, gli propone un patto: lavorerà sotto copertura e direttamente per lui negli scenari caldi del Medio Oriente, all’insaputa del Servizio e soprattutto di Ranieri. In cambio avrà la possibilità di entrare in contatto e di salvare Rania. Contemporaneamente Massa costringe Rania a spiare il marito Rashid, sospettato di essere a capo di un pericoloso traffico di armi chimiche. L’amore tra Rosso e Rania indirizza il corso degli eventi successivi. Rosso, uomo di forti ideali e grandi passioni, deve confrontarsi con i molteplici e stratificati livelli del ‘gioco’, con le doppie e triple anime dei suoi nemici e dei suoi amici, con le spinte contrastanti del ricatto, dell’obbedienza, dell’amore e della paura, con i conflitti interiori cui è sottoposto, chiamato a scegliere tra ragione e sentimento. Ma anche lo Stato, come il cuore, ha le sue ragioni che la ragione non conosce.

Cast tecnico
REGIA: Marco Pontecorvo
SOGGETTO: Laura Ippoliti, Andrea Purgatori
SCENEGGIATURA: Laura Ippoliti, Andrea Purgatori
DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA: Vincenzo Carpineta
SCENOGRAFIA: Massimiliano Nocente
COSTUMI: Simonetta Leoncini
MONTAGGIO: Alessio Doglione
CASTING: Adriana Sabbatini
AIUTO REGIA: Luigi Spoletini
FONICO: Andrea Moser
ORGANIZZATORE GENERALE: Enzo Tacchia, Alessia Sinistro
DIRETTORE DI PRODUZIONE: Stefano Dioguardi
TRUCCATORE: Gino Tamagnini
PARRUCCHIERE: Adel Saada
PRODUTTORE RAI: Tinino Nieddu
PRODOTTO DA: Maurizio Tini per Cattleya


Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, questo sito utilizza cookie tecnici ed analitici e di profilazione di terza parte. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o vuoi negare il consenso all'uso dei cookie clicca qui.